Timelapse: tutto quello che c'è da sapere per farne uno.

Spesso all’interno dei video che realizziamo ci viene chiesto di inserire i cosidetti “timelapse” o riprese velocizzate ed oggi voglio spiegarti le principali regole da seguire per realizzarne uno.
Ma partiamo dalle basi..

Che cos’è un TimeLapse?

Il TimeLapse è una tecnica che consiste nel catturare immagini con un intervallo di tempo regolare. La sua caratteristica principale è che riesce a racchiudere in pochi secondi eventi che realmente impiegano svariate ore per completarsi. Video

Di quale attrezzatura necessita la realizzazione di un TimeLapse?

Al contrario di quello che pensano in molti non occorre necessariamente attrezzatura professionale, quello di cui avrai bisogno è:

  • Un buon cavalletto (consigliabile un po’ robusto per evitare spostamenti involontari)
  • Una macchina fotografica (consigliabile una macchina in grado di eliminare automatismi)
  • Un intervallometro (di qualsiasi tipo, interno o aftermarket)
  • Un bel po’ di pazienza (più tempo passerai a scattare, migliore sarà il risultato finale)

 

I Settaggi

Per quanto riguarda i settaggi della macchina fotografica, ti consiglio di impostare prima di tutto la messa a fuoco su manuale, poi dovrai controllare che il bilanciamento del bianco e la sensibilità del sensore (ISO) non siano impostati su automatico.

Successivamente dovrai impostare la tua macchina in esposizione manuale in modo da lasciare invariati diaframma e tempo di otturazione tra uno scatto e l’altro, questo ti permetterà di avere tutti scatti uniformi.

L’Intervallometro

In questa fase, oltre alla macchina fotografica e al cavalletto avrai bisogno di un intervallometro, grazie al quale la macchina scatterà una serie di immagini ad intervalli regolari per un certo arco di tempo.
Molte macchine fotografiche, anche di fascia medio/bassa, dispongono di un intervallometro interno

Per risparmiarti un po’ di tempo, di seguito trovi una tabella con i tempi di scatto migliori per alcune situazioni “classiche”:

  • Persone vicine: scatto ogni mezzo secondo;
  • Persone lontane: scatto ogni 2 secondi;
  • Traffico di giorno: scatto ogni 1 secondo;
  • Traffico di notte: scatto ogni 2 secondi;
  • Nuvole veloci: scatto ogni 1 secondo;
  • Nuvole lente: scatto ogni da 2 a 4 secondi;

Ricapitolando

  • Decidi cosa riprendere e trova una buona inquadratura;
  • Imposta correttamente la macchina
  • Imposta il giusto intervallo di scatto;
  • Fai partire gli scatti
  • Mettiti comodi e aspetta;
  • Quando avrai raggiunto la durata o il numero di scatti previsti avrai finalmente finito!

P.S: Presta attenzione a non muovere il cavalletto durante la fase di scatto, ti consiglio di cercare un posto tranquillo, dove sei sicuro di non doverti spostare ad es., per il passaggio di un’auto e dove non ci sia il rischio che qualcuno urti accidentalmente il cavalletto.

Ritocco e montaggio

Passiamo ora alla post produzione, modificando le immagini per regolare al meglio le luci e i colori. Per farlo puoi usare un qualunque software di ritocco fotografico (ti consiglio Adobe Lightroom, che ti permette di modificare grandi quantità di fotografia in pochi semplici passaggi).

A questo punto, avendo tutto il materiale a disposizione non ti resta che editare il tuo TimeLapse come faresti con un qualunque altro video, aggiungendo tutte le eventuali altre sequenze, inserendo la musica ed eventuali titoli. Qui puoi trovare altri articoli.